Callusmed forte gel cheratolitico 250 ml

Rif: CE310C
  • Gel cheratolitico ammorbidente per callosità
  • Con Acido Salicilico, Mandelico e Glicolico ad azione cheratolitica ed esfoliante
  • Con Olio Essenziale di Tea Tree Oil, potente igienizzante naturale
  • Con Olii Essenziali di Menta, Limone e Rosmarino per un effetto igienizzante, rinfrescante e deodorante
  • Contiene estratto di Aloe Biologico, idratante e lenitivo


Accedi per visualizzare i prezzi e acquistare

Acquista sicuro

Migliaia di clienti soddisfatti

Consegna rapida

in 24/48 ore
Descrizione prodotto

Gel cheratolitico ammorbidente per callosità con Acido Salicilico, Mandelico e Glicolico a forte azione cheratolitica ed esfoliante.

Con estratti di Menta, Rosmarino, Limone e Tea Tree Oil, per un forte potere igienizzante e rinfrescante.


Principi attivi: con un'alta percentuale di Acido Salicilico (1,8 %), Acido Mandelico (azione cheratolitica e schiarente) ed Acido Glicolico, il gel ammorbidente possiede forti proprietà cheratolitiche. Grazie alla loro sinergia, questi tre principi, non irritano e non danneggiano la cute.

L'Olio Essenziale di Tea Tree Oil, potente igienizzante naturale, aiuta la rimozione delle callosità e igienizza pelle e unghie.

Con Olii Essenziali di Menta, Limone e Rosmarino per un effetto igienizzante, rinfrescante e deodorante.

Contiene estratto di Aloe Biologico, idratante e lenitivo.


Modo d'uso: applicare sulla callosità e ispessimenti e lasciare agire 5-10 minuti.

Non occorre risciacquare o rimuovere il prodotto.

Procedere con la rimozione meccanica.

Confezione 250 ml, pz 1.

Domande & Risposte

Mi è stato
utile
yinis DELIANA (fi)
Si può usare la fresa dopo l'applicazione di Callusmed Forte?
Risposta

Callusmed forte gel è un forte cheratolitico che aiuta la rimozione delle callosità agevolando il lavoro di strumenti che lavorano al meglio su superfici rese più elastiche e idratate. Le frese con taglio o con superfici abrasive ( come ad es. frese in carbonio, acciaio o diamantate etc) al contrario svolgono efficacemente il loro lavoro su superfici che oppongono resistenza: superfici ruvide, secche e rigide. Quindi l’utilizzo di un cheratolitico nel caso delle frese, pur non inficiando la lavorazione, non permette di svolgere al meglio il lavoro allo strumento, riducendo in parte il potere di taglio o di abrasione dell’oggetto stesso.